Terapia ConservativaCon il termine Terapia Conservativa si intendono tutte quelle procedure atte a conservare o ricostruire i tessuti dentali.

Il dente va incontro a deterioramento per vari motivi:

  • aggressione dei processi cariosi
  • usura per esempio dovuta al digrignamento
  • spazzolamento eccessivo (usura al colletto)
  • eventi traumatici
  • masticazione di sostanze eccessivamente dure (sassolini presenti accidentalmente nei cibi)

Un tempo veniva utilizzata l’Amalgama d’Argento, nei giorni nostri non viene più utilizzata nei nostri studi sia per un motivo estetico (ha un colore scuro) che per una presunta tossicità.

Al posto dell’amalgama si utilizzano i compositi che sono materiali estetici del solito colore del dente naturale che ci permettono di effettuare otturazioni praticamente identiche al dente originario.

Questi materiali che vengono venduti in forma liquida o pastosa e quindi modellabili a piacimento vengono poi induriti in pochi secondi grazie a particolari lampade fotopolimerizzanti.

Talvolta dove le ricostruzioni necessitano di un ulteriore supporto perché la corona è altamente danneggiata occorre utilizzare perni radicolari che servono come appoggio ai compositi per la ricostruzione per garantire una maggiore durata all’elemento dentario è comunque opportuno realizzare una capsula laddove la corona dentaria risulti gravemente danneggiata.

Fanno parte sempre della terapia conservativa le sigillature dentali che vengono vendute in forma fluida e di colore trasparente che di norma si eseguono nei solchi dei denti dei bambini e servono per evitare che quei denti vengano aggrediti da processi cariosi nei solchi che sono zone dove è più difficile pulire.