Pulizia dei Denti

Esistono fondamentalmente due tipi di pulizia dei denti: quella di routine che deve essere fatta a casa più volte al giorno per provvedere alla corretta igiene del cavo orale e quella professionale che solo il proprio dentista di fiducia o il laureato in igiene dentale può garantire. Per la normale pulizia dei denti ci sono alcuni accorgimenti da tenere a mente a cominciare dalla scelta dei giusti strumenti.

Spazzolino e dentifricio sono naturalmente gli alleati più importanti per una corretta pulizia quotidiana a patto che si prediliga l’utilizzo di spazzolini con setole in grado di rimuovere i residui di cibo anche negli spazi interdentali. Ottimi risultati da questo punto di vista sono garantiti anche dallo spazzolino elettrico che riesce a dare la sensazione di una pulizia profonda e accurata. Da non sottovalutare è la scelta del dentifricio che deve essere di buona qualità, in modo da non intaccare lo smalto di cui sono rivestiti i denti o la dentina sottostante.

Per risultati migliori si può abbinare al comune spazzolino e dentifricio l’uso di un collutorio che garantisce la disinfezione della bocca, e del filo interdentale, in grado di raggiungere gli spazi più angusti ed inaccessibili al comune spazzolino. L’obiettivo di una corretta pulizia dei denti è dato dalla rimozione della placca che va a formare una patina di rivestimento sull’arcata dentale che potrebbe  a lungo andare provocare la formazione di carie che se trascurata potrebbe portare  ad infiammazione a carico della polpa del dente.

La pulizia di routine, che deve essere effettuata almeno 3 volte al giorno  subito dopo i pasti, non è sempre sufficiente ad eliminare a fondo la placca. Per questo motivo è buona norma ricorrere ogni sei mesi ad una pulizia dei denti professionale rivolgendosi ad uno specialista del settore. Utilizzando strumenti perfettamente sterilizzati e sicuri, il dentista o il laureato in igiene dentale provvede alla cosiddetta detartrasi ovvero alla rimozione del tartaro che minaccia la salute dei denti. Il risultato è rappresentato da una bocca priva di tartaro e dalla diminuzione della  possibilità di avere infiammazioni gengivali  oltre che liberata dal problema dell’alitosi. La pulizia professionale di norma non richiede un eccessivo dispendio di tempo o denaro e  garantisce inoltre numerosi vantaggi anche sul piano prettamente estetico in quanto va ad eliminare eventuali macchie di  cibo, caffè/tè o fumo di sigaretta accumulatesi sulla superficie visibile dei denti.

Nel caso in cui si voglia ottenere un effetto sbiancante e la rimozione delle macchie più profonde, è possibile abbinare alla pulizia professionale una seduta di sbiancamento dei denti. La sola pulizia garantisce denti più lucidi. E’ possibile al termine  della procedura di detartrasi  farsi applica una mascherina contenente fluoro che avrebbe scopo di rinforzare e proteggere ulteriormente la dentatura del paziente.