Avere i Denti Bianchi

Avere denti bianchi ed un sorriso splendente è senza ombra di dubbio un desiderio che accomuna un gran numero di persone. Non tutti sanno però che il colore dei denti è una delle caratteristiche determinate dal patrimonio genetico del singolo individuo. Ciò significa in altre parole che ognuno è destinato ad avere per i propri denti una determinata tonalità di bianco, che può essere più o meno intenso e brillante. Il diretto responsabile del bianco dei denti è lo smalto, che riveste la parte visibile del dente, offrendo una protezione importante alla dentina sottostante.

 

Oltre ad essere ricco di minerali e sostanze inorganiche, lo smalto è traslucido, il che significa che lascia trasparire la dentina, caratterizzata da venature giallognole e grigiastre. Lo strato di smalto inoltre può essere soggetto ad erosione con l’avanzare degli anni e diventare il bersaglio di una vasta gamma di agenti dannosi per il benessere e l’estetica della dentatura, a cominciare dalla placca e dal tartaro. Esistono numerose sostanze in grado di intaccare lo smalto e rovinare il bianco naturale dei denti. Tra le più comuni si piazza sicuramente il fumo di sigaretta, che va ad aggiungersi ai pigmenti alimentari presenti nel caffè, nel tè, nel vino rosso, negli spinaci e nella liquirizia. Nemici di un sorriso perfettamente bianco e sano sono anche alcuni farmaci come le tetracicline, se assunte in maniera significativa durante la prima infanzia.

 

Non bisogna dimenticare infine gli effetti di un invecchiamento fisiologico della dentatura che, unito ad un’igiene orale insufficiente, tende a spegnere il sorriso ed a conferire ai denti un colorito giallognolo. Se le cause all’origine della perdita del bianco naturale dei denti sono tante, altrettanto numerosi sono i rimedi professionali o naturali in grado di garantire un trattamento sbiancante efficace. La detartrasi, che consiste nella rimozione del tartaro da parte del dentista o dell’igienista dentale, è sicuramente il metodo più utilizzato, dal momento che non agisce solo a livello estetico, ma migliora anche la salute della dentatura, prevenendo il rischio di gengiviti e risolvendo il problema dell’alito cattivo.

Tuttavia la detartrasi agisce su placca tartaro e macchie dovute al fumo e al caffè ma non ha alcun effetto sul colore naturale del dente.Per poter modificare il colore naturale dei denti è possibile avvalersi dei prodotti sbiancanti professionali che a differenza dei prodotti in vendita presso supermercati e farmacie hanno un’elevata percentuale di principio attivo. Anche in questo caso è fondamentale l’intervento di un professionista perché, prima dell’esposizione agli agenti sbiancanti, è necessario proteggere le gengive e la bocca da possibili irritazioni e fenomeni di ipersensibilità.

 

Tra i rimedi completamente naturali, che non prevedono alcun uso di pigmenti e sostanze abrasive, si può citare la salvia. Il semplice atto di strofinare delle foglie fresche di salvia direttamente sulla superficie dell’arcata dentaria  sembra garantire un effetto sbiancante piuttosto evidente e privo di possibili controindicazioni.